Giovedì, 29 Giugno 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Puglia, caccia aperta a cani e gatti? Emiliano smentisce e accusa i cinque stelle: 'Impossibile'

I consiglieri pentastellati attaccano il governatore: 'Scredita il movimento e non è informato sui provvedimenti in discussione nella Regione'

Pubblicato in Politica il 31/05/2017 da Redazione

“Qualche burlone sedicente 5stelle (ma io non ci credo) ha messo in giro un post facebook che dice che in Puglia si aprirà la caccia a cani e gatti. È una caxxata totale. In Puglia mai nessuno darà la caccia a cani e gatti, dovrebbero passare sul mio cadavere. Bannate quel deficiente che vi ha detto queste bugie”. È il post apparso sulla bacheca Facebook del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, per smentire una ‘fake news’ diffusa da una pagina Facebook che allarmato alcuni cittadini pugliesi.

Tuttavia la smentita del governatore ha fatto infuriare i consiglieri del Movimento 5 Stelle Puglia: “"Il presidente Emiliano ha dimostrato in un colpo solo – spiegano i pentastellati - di non essere minimamente aggiornato sui provvedimenti in discussione nella Regione che dovrebbe amministrare e di saper arrivare al punto di diffondere notizie completamente false, che purtroppo hanno avuto ampia diffusione, solo per gettare discredito sul M5S e sui suoi militanti, senza neanche essersi preso la briga di effettuare la minima verifica". 

Secondo i consiglieri “la notizia non era stata diffusa dal M5S” ma dalle associazioni animaliste che denunciano alcuni contenuti “che sono effettivamente particolarmente ambigui del DDL sulla Caccia n. 67 del 2.05.2017 (a.c. 544/A) (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio) che si discute domani in seduta congiunta di II e IV Commissione”. 

"Due falsità in un colpo solo - incalzano i cinquestelle - non solo non è stato il M5S a diffondere per primo quella notizia che è invece partita da importanti associazioni animaliste, ma la notizia che Emiliano tentava di smentire fa riferimento ad un provvedimento che si discute domani e che effettivamente contiene alcuni passaggi quantomeno ambigui, che tirano in ballo le specie domestiche inselvatichite. Passaggi che certamente saranno oggetto di discussione in Commissione. Quello odierno è un episodio che la dice lunga sulla leggerezza spaventosa con la quale Emiliano, che non è certo un cittadino qualsiasi e che ha il dovere di verificare una notizia, gestisce il delicato compito che migliaia di pugliesi gli hanno affidato. Ci auguriamo - concludono - che Emiliano smentisca e si scusi con tutti gli attivisti del M5S per questo spiacevole episodio”. 



loading...