Mercoledì, 18 Settembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Al Fortino di Sant'Antonio in mostra la storia del Gran Premio di Bari

Oltre agli oggetti e ai cimeli legati ai bolidi e all’auto di Formula De La Rosa De Blank del 1959, i visitatori potranno ammirare cinquanta divise dell’arma dei Carabinieri provenienti dall’11^ Reggimento “Puglia” di Bari

Pubblicato in Lifestyle il 28/03/2019 da Redazione

Video storici, divise, cartoline e cimeli delle nove edizioni del Gran Premio di Bari, la storica gara svoltasi nel capoluogo pugliese dal 1947 al 1956. Sono solo alcuni degli oggetti protagonisti della mostra “La Storia del Gran Premio”, organizzata da Old Cars Club e ospitata dal Fortino Sant’Antonio di Bari dal 30 marzo al 5 aprile 2019.

L’esposizione, che sarà inaugurata sabato 30 marzo alle ore 17 alla presenza del Presidente di Old Cars Club, Antonio Durso, dell’Assessore alla Cultura del Comune di Bari, Silvio Maselli, del Tenente Colonnello dei Carabinieri, Michele Miulli e dai rappresentanti dell’Accademia di Belle Arti di Bari, condurrà il pubblico in un viaggio a ritroso tra sport e storia. Oltre agli oggetti e ai cimeli legati ai bolidi e all’auto di Formula De La Rosa De Blank del 1959 – protagonista delle ultime tre edizioni della rievocazione del Gran Premio di Bari – i visitatori potranno ammirare cinquanta divise dell’arma dei Carabinieri provenienti dall’11^ Reggimento “Puglia” di Bari, comandato dal Colonnello Saverio Ceglie: si tratta di alcuni pezzi provenienti dalle collezioni di Paolo ed Emanuele Caradonna Moscatelli, tra cui spiccano una rara uniforme grigioverde da guerra dei Reali Carabinieri del 1909, la Grande Uniforme storica da Maggiore di epoca umbertina e l’uniforme usata per la missione Antica Babilonia in Iraq.

A completare la mostra, in chiave decisamente più moderna, saranno le migliori opere tra quelle pervenute nell’ambito del concorso “Riscrivi il manifesto del Gran Premio di Bari” indetto da Old Cars Club in collaborazione con la Fondazione Nikolaos e rivolto agli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bari: l’opera vincitrice del concorso sarà premiata, venerdì 5 aprile alle ore 10, con una borsa di studio del valore di mille euro intitolata alla memoria di Nunzio Canta, avvocato e “alfista” di lunga generazione, grande appassionato del mondo dell’automobilismo.

L

loading...