Mercoledì, 16 Ottobre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari, ecco la carta dei diritti dei bambini e delle bambine

Il documento è stato pensato e scritto dai bambini stessi durante i numerosi laboratori organizzati nell’ambito del Villaggio dei diritti al Fortino e nei centri del Welfare cittadini

Pubblicato in Lifestyle il 20/11/2018 da Alessandra Rizzi

Diritto alla pace

diritto all’istruzione

diritto alla salute,

diritto al gioco,

diritto alla parola,

diritto all’amicizia,

diritto a non essere discriminati, diritto ad amare,

diritto ad essere di tutti i colori,

diritto ad essere trattati bene,

diritto a vivere sicuri,

diritto ad avere genitori che si prendono cura di te,

diritto al divertimento,

diritto a mangiare,

diritto ad avere amici,

diritto ad avere parchi puliti, sicuri e con i giochi,

diritto ad avere dei campi da calcio, basket e pallavolo dove giocare senza pericoli

diritto ad avere le piste ciclabili,

diritto ad avere una casa,

diritto ad una scuola bella e con le giostre

diritto a strade pulite

diritto a una città non inquinata

diritto ad avere un cinema di quartiere

diritto a trovare lavoro dopo aver terminato la scuola

diritto ad avere segreti

diritto ad avere una stanza tutta per sé

diritto a praticare uno sport

diritto ad avere i capelli corti senza che nessuno ti prende in giro anche se sei una bambina

 

Questi sono soltanto alcuni dei diritti riportati nella Carta dei diritti dei bambini e delle bambine della città di Bari presentata dall’Assessora al Welfare Francesca Bottalico e da tutte le istituzioni e associazioni che l’hanno sottoscritta. Oggi, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia, si presenta alla città di Bari una carta dii diritti pensati e scritti dai bambini stessi durante i numerosi laboratori organizzati nell’ambito del Villaggio dei diritti al Fortino e nei centri del Welfare cittadino in tutto il mese di novembre. Le attività e l’elaborazione della Carta sono state coordinate da Progetto Città.

Tutti i bambini, circa 2500, che hanno partecipato alla redazione della Carta hanno proposto i diritti per loro più importanti o più necessari nel Municipio di appartenenza. Oltre a confluire nel documento che a breve sarà disponibile on line, grazie all’ausilio della tecnologia sono stati riportati su QR Code delle tracce del lavoro fatto che permettono, se inquadrati con il telefonino, di visualizzare per intero i lavori e le proposte fatte.

“I bambini non sono cittadini del futuro ma di oggi e sono i veri indicatori del successo o meno delle politiche locali o nazionali- ha commentato l’assessora Francesca Bottalico-. “ Quello che presentiamo oggi è un lavoro straordinario, frutto dei pensieri e della creatività di oltre 2000 bambini che hanno partecipato alle attività organizzate nei centri del welfare cittadino e nel Villaggio dei diritti dell’infanzia installato nei giorni scorsi al Fortino. Il documento che oggi firmiamo insieme a tante istituzioni e associazioni cittadine verrà consegnato a chi decide le politiche di questa città, sarà un documento a disposizione di consiglieri comunali, degli assessori e di tutte le associazioni che vorranno farne tesoro. I diritti sono tali quando vengono praticati pertanto li doniamo alla città di Bari affinché vengano messi in pratica”.

Le istituzioni e associazioni che, per ora, hanno sottoscritto la Carta dei diritti dei bambini e delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze della città di Bari sono: Il Tribunale per i minorenni, l’Università di Bari, il Provveditorato, il Centro di Giustizia Minorile, la Polizia locale, l’Ospedaletto dei bambini, la Comunità di Sant’Egidio, la Caritas diocesana, l’Ordine degli Psicologi, i Comitati Genitori, i Municipi, la Biblioteca dei Ragazzi/e, l’Agedo, Eugema onlus, i centri del Welfare cittadino, l’UAAR.