Domenica, 20 Agosto 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Assicurazioni auto: tutto quello che c'è da sapere

Molto è cambiato nel mondo delle assicurazioni auto nel corso degli ultimi mesi ed è bene essere informati

Pubblicato in Lifestyle il 03/03/2017 da Teresa Salerno

Fino a qualche anno fa chi possedeva un'auto e doveva acquistare un'assicurazione doveva necessariamente rivolgersi a un'agenzia o a un intermediario, a causa della difficoltà e della specialità intrinseche a questo genere di operazioni finanziare. Il ruolo di questo tramite era principalmente quello di vendere un prodotto e guadagnare una commissione dalla conclusione della transazione. Anche a causa di questo fattore il costo finale delle assicurazioni aumentava in maniera sproporzionata rispetto sia alla qualità del servizio ricevuto, sia ai parametri di garanzia che si erano impostati per la propria polizza.
Da qualche anno tuttavia la situazione sembra essere cambiata grazie anche alla possibilità di sottoscrivere assicurazioni online,  come ad esempio la polizza di Ben Assicurazioni, ma anche di poter accedere a siti che si occupano per l’appunto di confrontare quello che propongono le varie compagnie assicurative in modo da permettere di scegliere la più conveniente e completa in base alle proprie esigenze.


Ma cos'altro è cambiato nel mondo delle assicurazioni auto nel corso degli ultimi mesi? Prima di tutto c'è da sapere che non è più obbligatorio apporre il bollino dell'assicurazione in maniera visibile sul proprio vetro anteriore o laterale, dal momento che ora è sufficiente tenere a portata di mano all'interno del proprio veicolo il contratto di assicurazione stipulato ed in corso di validità, o in alternativa una copia di questo. Inoltre anche le forze dell'ordine che effettuano solitamente punti di controllo per la strada si sono dotate di strumenti tecnologici in grado di capire sin dalla targa del veicolo se questo è in regola non solo con l'assicurazione ma anche con il bollo auto. Questa si tratta di una procedura potenzialmente in grado di far sì che tutti in Italia siano regolarmente assicurati, e di poter così affrontare in maniera più netta la piaga delle automobili non assicurate. Se, infatti, ci si fa caso nelle zone maggiormente soggette a questa cattiva usanza il costo dell'assicurazione auto diventa esorbitante, costringendo chi vuole rimanere in regola ad effettuare grossi esborsi di denaro.


Se tutti in Italia pagano regolarmente la propria assicurazione auto, è normale ed automatico pensare che i costi in linea generale di questi prodotti assicurativi diminuiranno in maniera proporzionale e anche consistente. Un'altra forma di assicurazione che sembra andare molto per la maggiore, soprattutto tra chi non utilizza spesso il proprio veicolo ma lo fa comunque in maniera non così discostante da un periodo all'altro, è quella delle cosiddette polizze a km. La filosofia dietro a questa tipologia di offerta è che più viaggi, più paghi e così anche il contrario. Ad esempio sara.it offre la possibilità di stipulare un'assicurazione a km ottenendo un prezzo agevolato se si stima di percorrere meno di 5000 km all'anno. Per ogni 100 km che vengono aggiunti a questi l'assicurazione potrà aumentare di una decina l'euro rispetto alla polizza stipulata in precedenza. Ma come può la società di assicurazione conoscere con precisione quanti km effettua un'automobile nell'arco del periodo di validità della polizza? Questo avviene grazie all'installazione o all'applicazione di scatole nere apposite, che contano quanti chilometri vengono effettivamente effettuati dal conducente. Queste innovative attrezzature possono risultare anche utili per rintracciare il veicolo nei casi di incidente stradale o di furto dell'automobile.



loading...