Sabato, 21 Luglio 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Cibus, novità e spettacolo con Granoro: il pastificio pugliese lancia la pasta Bio varietà "Cappelli"

Mercoledì 9 maggio spettacolo con lo show cooking dello chef Valerio Braschi.

Pubblicato in Enogastronomia il 03/05/2018 da Redazione

Apre il 7 maggio a Parma la 19a edizione di Cibus, teatro di un’edizione speciale pensata per celebrare il 2018, proclamato dal Governo italiano “Anno del Cibo”, e per favorire la crescita produttiva e l’esportazione dei prodotti alimentari Made in Italy. Sono attesi a Parma, dal 7 al 10 maggio, più di 3.000 aziende espositrici e un numero crescente di operatori e buyer, sia italiani che internazionali.

Tra le aziende protagoniste ci sarà anche Granoro (Pad. 5 Stand A010 ) che a Cibus rilancia la propria produzione pastaria, sempre più improntata alla valorizzazione del grano italiano e in particolar modo pugliese per la produzione di pasta di qualità 100% Made in Puglia grazie alla Linea “Dedicato”,  nata nel 2012 dalla volontà dell’azienda di valorizzare i prodotti agricoli coltivati in Puglia con lo scopo di rafforzare un legame tra agricoltori e consumatori, primo prodotto della filiera cerealicola 100% pugliese con il marchio “Prodotti di Qualità di Puglia” fortemente voluto dall’assessorato regionale alle Risorse agroalimentari.

«Abbiamo sempre ritenuto che sia possibile produrre grano duro di qualità, senza obbligatoriamente acquistarlo all’estero» – dicono da Granoro. «Da questa certezza è iniziato, circa sei anni fa, un percorso che ha aggregato i player agricoli e li ha spinti a produrre grano duro di qualità. Coinvolgendo gli operatori del Tavoliere, le cooperative di stoccaggio, i molini, è nato ufficialmente nel 2012 il progetto “Dedicato” che oggi aggrega oltre 140 produttori».

Attesissima novità sul fronte dei nuovi prodotti con il lancio proprio a Cibus della pasta Bio Granoro varietà “Cappelli” selezionata in purezza: Granoro intende investire ancora di più nell’agricoltura italiana, rivalutando le produzioni di grani antichi come le varietà “Saragolle Antiche” (in sperimentazione nella propria filiera “Dedicato 100% Puglia”) e “Senatore Cappelli”. Per quest’ultima Granoro ha sottoscritto un importante contratto di filiera con la S.I.S. (Società Italiana Sementi, che ha acquisito il diritto esclusivo di selezionare, riprodurre e certificare la varietà Cappelli), grazie al quale potrà garantire la produzione di pasta Bio Granoro da varietà Cappelli, sia la provenienza che l’identità in purezza di questa varietà di grano duro dalle eccellenti qualità nutrizionali, ricca di amminoacidi, vitamine e minerali. La pasta Bio Granoro varietà “Cappelli” sarà presentata ufficialmente al trade durante il Cibus 2018.

Alla rivalutazione dei grani antichi si associa anche una nuova linea: la Specialità Alimentare di Farro Integrale Bio Granoro, prodotta con sfarinato integrale di Farro ottenuto dalla macinazione dei chicchi interi. Una procedura che permette di conservare tutte le proprietà nutrizionali presenti nel chicco tra cui fibre, vitamine e minerali. La varietà di Farro utilizzata (Dicocco) è ottenuta da agricoltura biologica italiana, il cui metodo di produzione esclude l’utilizzo di pesticidi e concimi chimici di sintesi. Questa specialità alimentare, dunque, porta sulla nostra tavola il gusto di una millenaria storia, facendocene rivivere, con un piccolo assaggio, il sapore della semplicità.

Nello stand Granoro (Pad. 5 Stand A010) mercoledì 9 maggio alle ore 12,00 Valerio Braschi sarà il protagonista ai fornelli con la preparazione di una frizzante ricetta, frutto del suo amore per la cucina: “Spaghetti alla chitarra “Granoro Dedicato” mantecati in crema di fave fresche e menta, guanciale croccante e spuma di canestrato Pugliese”. Il giovane romagnolo, classe 1997, è un cuoco/influencer attualmente molto seguito sui social: oltre 106mila follower su Instagram e più di 100mila fan su Facebook. Determinazione, passione e fantasia: sono le armi con cui Valerio Braschi a soli 18 anni ha vinto MasterChef Italia colpendo i giudici e gli chef Barbieri, Bastianich, Cannavacciuolo e Cracco. Braschi inoltre rientra tra i 100 under 30 d’Italia che la rivista Forbes ha valutato come leader del futuro ed è risultato il primo nella sua categoria di appartenenza, quella legata al Food.

 

 



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet