Venerdì, 18 Agosto 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari, il giardino di piazza IV novembre intitolato a Mariella Bonomo

Il riconoscimento rappresenta per l'amministrazione comunale un'attestazione importante allo straordinario lavoro che la gallerista barese ha impresso nel tessuto culturale della città

Pubblicato in Donne il 20/03/2017 da Redazione

Si è tenuta questa mattina, alla presenza del sindaco Antonio Decaro, degli assessori alla Toponomastica, Angelo Tomasicchio, e alle Culture, Silvio Maselli, e della presidente del Municipio I Micaela Paparella, la cerimonia di intitolazione del giardino di piazza IV Novembre a Marilena Bonomo.

L'area verde, ubicata nel territorio del Municipio I tra corso Cavour, lungomare Araldo Di Crollalanza e piazza IV Novembre, è stata intitolata alla gallerista barese accogliendo la proposta del Club di Bari "Soroptimist International Italia", con l'obiettivo di ricordare le donne che hanno avuto un ruolo di rilievo nella storia della città di Bari.

Il riconoscimento a Marilena Bonomo, esponente di spicco della vita culturale barese, rappresenta per l'amministrazione comunale un'attestazione importante allo straordinario lavoro che la gallerista barese ha impresso nel tessuto culturale della città nel segno del futuro.

"Sono importanti quei giorni in cui dedichiamo uno spazio pubblico, una piazza, una strada, in questo caso un giardino, a personalità del passato della nostra città - ha detto Antonio Decaro -. Quando intitoliamo uno spazio pubblico a qualcuno lo facciamo non solo perché vogliamo ricordare quella persona e cosa ha fatto ma perché vogliamo lasciare, anche alle nuove generazioni, l'insegnamento di chi tanto ha dato alla nostra città. Non ho avuto la fortuna di conoscere personalmente Marilena Bonomo, né di apprezzare il suo profilo umano, la sua sensibilità, la sua passione per l'arte, ma avverto la sua presenza e, soprattutto, il valore del suo lascito. Ho avuto l'opportunità da cittadino, prima, e l'onore, oggi, da sindaco, di sapere quello che ha fatto per Bari. Ha permesso a questa città di non essere conosciuta nel mondo solo come città di commercianti e marinai ma anche come città capace di una nuova attenzione verso il bello e la cultura. L'ha fatta conoscere oltre i confini nazionali come una città in fermento, attenta all'arte contemporanea, un merito che le è riconosciuto da tutti. E questo è uno dei motivi per i quali in questi giorni parliamo di arte contemporanea, perché qui di fronte, già da alcuni mesi, abbiamo avviato la ristrutturazione del Margherita, e da qualche giorno anche quella dell'ex mercato del Pesce che, insieme alla Sala Murat, costituiranno il Polo delle arti contemporanee. Mentre parliamo del restauro di questi grandi, bellissimi contenitori, che ci auguriamo nel tempo sapranno ospitare contenuti all'altezza degli spazi che li conterranno, abbiamo voluto parlato di due figure importantissime per la storia dell'arte contemporanea nella nostra città: Angelo Baldassarre e, ovviamente, Marilena Bonomo".

"Marilena Bonomo, con lungimiranza ed inventiva, ha saputo creare in una città in cui dominava ancora l'arte tradizionale locale, un ponte tra Bari e tutto il resto del mondo - ha proseguito Micaela Paparella -. Il Municipio I, con grandissimo orgoglio, ha portato avanti la proposta del Soroptimist International Club di Bari, quella di intitolare un luogo della nostra città a questa meravigliosa donna e non ci è sembrato esistesse un sito più rappresentativo di questo piccolo giardino storico, che guarda il mare e il Polo dell'arte contemporanea e racchiude un magnifico roseto che il prossimo mese fiorirà, per ricordare la personalità di Marilena. Vorrei ringraziare ancora una volta il Soroptimist International Club di Bari nelle persone di Maria Teresa Muciaccia e Michela Labriola per aver dato questa opportunità alla nostra città e per aver donato la targa di intitolazione di questo giardino, e vorrei ringraziare la delegazione FAI per essersi immediatamente attivata con la raccolta firme necessaria per ottenere la deroga prefettizia all'intitolazione. Ringrazio anche il prefetto di Bari, che ci ha consentito di procedere, e tutti i cittadini, gli intellettuali, gli studenti, gli artisti e i critici d'arte che hanno creato un movimento di opinione intorno a questo progetto, e il nostro sindaco che ha colto il grande significato di questa intitolazione. Io, che ho conosciuto personalmente Marilena Bonomo, non avrei mai pensato né sperato di poter intitolare un luogo della mia città, nel territorio del Municipio I che ho l'onore di presiedere, alla sua memoria".

Alla cerimonia di questa mattina erano presenti la famiglia Bonomo, gli artisti della Galleria Bonomo, alcuni critici d'arte, la presidente Soroptimist International club di Bari Michela Labriola e la past president Mariateresa Muciaccia, intervenute per ricordare la straordinaria figura della gallerista e le motivazioni alla base della scelta di promuovere l'intitolazione del giardino e la donazione della targa alla città, nonché la delegazione FAI di Bari, guidata da Rossella Ressa, che ha condiviso l'iniziativa e raccolto le firme per richiedere la deroga al prefetto.

 



loading...