Venerdì, 22 Settembre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Femminicidio Bruna Bovino,l'ex amante condannato a 25 anni di reclusione

Tra le pene accessorie stabilite dai giudici c'è anche la decadenza della potestà genitoriale

Pubblicato in Donne il 03/07/2017 da Redazione

La Corte di Assise di Bari ha condannato alla pena di 25 anni di carcere il 36enne Antonio Colamonico, imputato per l'omicidio della 29enne italo-brasiliana Bruna Bovino, uccisa il 12 dicembre 2013 nel centro estetico che gestiva a Mola di Bari. Tra le pene accessorie stabilite dai giudici c'è anche la decadenza della potestà genitoriale. La Corte ha inoltre condannato l'imputato al risarcimento danni nei confronti delle costituite parti civili, 250mila euro ciascuno ai due figli minorenni (con 50mila di provvisionale), 150mila euro ciascuno a madre e familiari della vittima, 30mila euro per le due associazioni antiviolenza Giraffa Onlus e Safiya Onlus e per la Regione Puglia. Per Colamonico - presente in aula - il procuratore aggiunto Lino Giorgio Bruno aveva chiesto la condanna a 28 anni di reclusione. Il corpo della vittima fu trovato semicarbonizzato sul pavimento del centro estetico, fra brandelli di indumenti e sangue, dopo che la donna venne uccisa con 20 colpi di forbici e strangolata.



loading...