Venerdì, 20 Ottobre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

'Leggere è costruire', il sindaco Decaro e Davide Ceddìa nel quartiere Marconi-San Girolamo-Fesca

Il tema della lettura si sposterà dall’ambito reale del libro a quello figurato della città in un dialogo tra il primo cittadino e la giovane giornalista Marica Todaro

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 13/10/2017 da Redazione

Leggere è aprire una finestra sul mondo, guardare oltre la linea dell’orizzonte, vivere tante vite quanti sono i racconti, costruire ponti verso luoghi e genti lontane. “Leggere è costruire” è proprio il titolo del sedicesimo evento del Festival Letterario delle Periferie Urbane “Chi legge arriva primo”, organizzato dalla casa editrice Stilo con il sostegno della SIAE, che domenica 15 ottobre alle ore 18.30 farà tappa nell’Auditorium dell’Istituto Comprensivo Eleonora Duse (strada San Girolamo, 38) nel quartiere Marconi-San Girolamo-Fesca. La scuola Duse è un polo fondamentale per il quartiere, attenta alla dimensione sociale oltre che educativa dei suoi studenti come dimostra l’adozione del progetto di riqualificazione del lungomare di San Girolamo che nei prossimi mesi vedrà una scolaresca impegnata nella cura del bene pubblico attraverso il monitoraggio dei cantieri del waterfront.

Protagonista dell’evento “Leggere è costruire” sarà il sindaco di Bari Antonio Decaro che si calerà per l’occasione nei panni del lettore. Il tema della lettura si sposterà dall’ambito reale del libro a quello figurato della città in un dialogo tra il sindaco e la giovane giornalista Marica Todaro. A sparigliarli Davide Ceddìa, autore, attore e cantante barese, voce della rock band Camillorè, apprezzatissimo per le sue incursioni creative.

 

L’appuntamento del 15 ottobre si inserisce in un’ampia rassegna di eventi che dal luglio scorso e fino al prossimo dicembre porteranno la città di Bari a vivere i luoghi periferici della cultura come è già stato per la Casa delle Culture nel quartiere San Paolo, la chiesa di San Marco e il campo Rom a Japigia e per tanti altri. L’ingresso agli eventi, che affrontano i temi dell’intercultura, della lettura e della cittadinanza attiva e dietro ai quali si cela il lavoro di giovani professionisti, autori e artisti under 35, è sempre gratuito.

 



loading...