Lunedì, 20 Novembre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Bari, oltre 120 mila presenze per il Medimex 2017

Grandissima partecipazione a tutti gli appuntamenti live dislocati tra vari palchi

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 12/06/2017 da Redazione

Oltre 120mila le presenze complessive tra concerti, attività professionali, incontri d’autore, djset, mostre e attività collaterali nel programma del Medimex, International festival e music conference promosso da Puglia Souds che si è concluso ieri. 200 artisti coinvolti, oltre 200 operatori - nazionali e pugliesi -  impegnati nelle attività professionali, 1 milione di contatti sui social, presenze turistiche (con strutture ricettive sold out), 130 testate accreditate con la copertura dei principali media nazionali. Sono i numeri del Medimex 2017 special edition, che si è chiuso con un bilancio straordinario in termini di partecipazione e ricaduta.


Grandissima partecipazione a tutti gli appuntamenti live dislocati tra vari palchi. Il main stage di piazza Prefettura, che ha ospitato l’unica data italiana di Iggy Pop, i concerti di Tricky e Slowdive e i progetti pugliesi in prima assoluta di Edro & Richard Sinclair e Municipale Balcanica. Il palco di largo Giannella ha ospitato le prime assolute dei pugliesi Nicola Conte, Gianluca Petrella e Raffaele Casarano, Comagatte & South Cypher Alliance e ancora Jessy Lanza, Salmo, Gemitaiz & Madman/Priestess. Il Teatro Petruzzelli il concerto in esclusiva italiana di Solange, aperto dalla prima del progetto pugliese Italian Soul Summir feat. Serena Brancale, Ainé e Davide Shorty, ha fatto registrare il tutto esaurito. Molto seguiti anche gli showcase dei jazzisti pugliesi, i concerti anteprima di Bari Suona, quelli collaterali dei vari contest rivolti ai gruppi emergenti e le attività che hanno preceduto e accompagnato il Medimex, dal ciclo di proiezioni a Largo 2 giugno al Market delle etichette indipendenti, passando per i vari dj set nello spazio Murat e a Torre Quetta.

Tutti affollati gli incontri d’autore con alcuni dei protagonisti della scena italiana, Gaetano Curreri, Raf, Michele Bravi, Calcutta, Antonino, Boom da Bash, Calcutta, Cosmo, Samuel, Fabrizio Moro e Nesli, con gli storici giornalisti musicali Ashley Kahn e Carlo Massarini e con il fotografo di David Bowie e Iggy Pop, il giapponese Masayoshi Sukita, del quale la mostra in corso al Castello Svevo sul quarantennale di Heroes (sino al 2 luglio) nei primi tre giorni ha già fatto registrare 1.500 visitatori. 


“Sono orgoglioso di questo Medimex – spiega Cesare Veronico, coordinatore Puglia Sounds - che è andato molto oltre lo strepitoso concerto di Iggy Pop e l’affascinante mostra di Sukita su Bowie. Abbiamo registrato un’ottima partecipazione a tutte le attività in programma con numeri soddisfacenti sul versante del coinvolgimento di artisti e operatori musicali della regione. Oltre 140 i musicisti pugliesi sui 200 totali che si sono esibiti nel corso del Medimex, 11 concerti di artisti pugliesi su 18 totali, 80 gli operatori pugliesi che hanno partecipato ai workshop,  140 gli allievi di Puglia Sounds Musicarium e Songwriting Camp e significativa la partecipazione ai panel e alle attività di networking attraverso cui il comparto musicale pugliese è stato messo in contatto con 35 direttori di festival internazionali, i quali stanno già ingaggiando i gruppi pugliesi che in questi giorni hanno presentato i loro progetti”.

 

“Con questa edizione di Medimex – aggiunge Michele Emiliano, Presidente Regione Puglia -  abbiamo creato un importante momento di aggregazione, apertura e partecipazione per tutti i pugliesi e per tanti appassionati venuti da tutta Italia, con una moltitudine di proposte per tutte le fasce di pubblico. Un ringraziamento va a tutta la squadra che ha lavorato a questo grande evento”.

 

 “Anche questa volta la città di Bari ha dato dimostrazione di avere tutte le carte in regola per poter ospitare eventi di livello internazionale, come una vera capitale europea - conclude Antonio Decaro, sindaco di Bari -. Nonostante le limitazioni e le restrizioni volute dal Ministero dell'Interno dopo i fatti di Torino, la macchina organizzativa tra Comune, Regione, Questura, Prefettura, Puglia Sounds e Teatro Pubblico Pugliese ha lavorato perché tutti gli eventi previsti si svolgessero nel migliore dei modi possibili e in grande tranquillità per tutti gli spettatori che si sono riversati nelle strade di Bari in questi giorni, vivendo i luoghi più belli della città. Tutti insieme abbiamo superato un importante banco di prova, dimostrando che le manifestazioni e gli spettacoli di piazza possono, e devono, continuare ad essere una festa per tutti senza lasciare spazio alla paura”.

 

 

 



loading...