Giovedì, 20 Settembre 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

'La Congiura', Federica Introna presenta il romanzo storico declinato al femminile alla Feltrinelli di Bari

Nel suo nuovo lavoro la filologa e scrittrice pugliese ridà luce alla figura di Epicari

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 10/04/2018 da Redazione

Il romanzo storico declinato al femminile. Federica Introna, filologa barese, insegnante di italiano e latino e appassionata di storia, porta nelle librerie di Bari e provincia il suo primo romanzo: La Congiura.

Pubblicato dalla casa editrice Newton Compton Editori nella collana Nuova Narrativa Newton, vincitore del concorso ilmioesordio, La Congiura racconta in 253 pagine, divise in 16 capitoli, scritte in modo avvincente, la storia di una cospirazione ordita da un gruppo di senatori contro l’imperatore Nerone. Tra ricatti, omicidi e inganni, emerge la figura di una donna, Epicari, una liberta che vive a Baia, nel 65 d.C.

Federica Introna presenta il suo romanzo d’esordio in un tour letterario di tre giorni tra Bari e Palo del Colle.

Si comincia il 10 aprile alle ore 18.30 alla libreria Feltrinelli di Bari (via Melo, 119). A dialogare con la scrittrice ci sarà Raffaele Pellegrino, docente di Storia e Filosofia e cultore della materia presso l’Università degli Studi di Bari.

Il giorno successivo, l’11 aprile Federica Introna sarà al liceo Scacchi di Bari, dove incontrerà gli studenti per una speciale lezione di storia. Da Bari a Palo del Colle, la storia di Epicari, protagonista del romanzo, sarà raccontata a Rigenera Laboratorio Urbano (Viale della Resistenza), alle ore 19.30.

Federica Introna nel suo romanzo d’esordio ridona luce e memoria a una speciale figura femminile, Epicari. Tra personaggi ambiziosi e avidi di potere, nobili meschini e indolenti, e figure capaci di gesti disinteressati, Introna racconta di una donna alle prese con il suo passato e il suo primo amore, capace di lottare per la libertà e la giustizia, seppur giovanissima. La citazione di Lisistrata, tratta da Arisofane con cui si apre il romanzo - «Io sono certo una donna, ma ho senno e non penso in modo comune, ho ascoltato molti discorsi dal padre e dagli anziani e non sono perciò meno istruita» - rivela già il meticoloso lavoro filologico fatto da Federica Introna nella ricostruzione sociale e umana di un personaggio, scomparso del tutto dai libri di storia. 



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet