Venerdì, 17 Agosto 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

#AbelianoEvents, dal 9 all'11 febbraio 'Cabaret Sacco & Vanzetti'

La nuova produzione di Teatro dei Borgia ritorna sulla vicenda dei due immigrati italiani negli Stati Uniti negli anni venti

Pubblicato in Cultura e Spettacoli il 06/02/2018 da Redazione

In un momento in cui il tema dell’immigrazione e della giustizia è quanto mai attuale il Teatro Abeliano nell’ambito della rassegna #AbelianoEvents ospita lo spettacolo “Cabaret Sacco & Vanzetti” venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 febbraio, ore21. La nuova produzione di Teatro dei Borgia  ritorna sulla vicenda dei due immigrati italiani negli Stati Uniti negli anni venti: Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti.

La storia dei due migranti, diventati il simbolo della discriminazione e dell’ingiustizia, viene raccontata senza cadere nella facile retorica del melodramma, anzi in uno stile innovativo attraverso il linguaggio del cabaret, con sketch e canti. Lo spettacolo scritto da Michele Santeramo con la regia Gianpiero Alighiero Borgia è interpretato da Valerio Tambone e Raffaele Braia. I due attori esilaranti e infaticabili, senza l’aiuto di trucchi o artifici scenici, recitano, danzano, cantano a cappella e narrano le tappe della vicenda giudiziaria nello scenario storico- politico, facendo rivivere gli scontri, l’amicizia e i sette anni di carcere di due uomini soli. Sulla scena la storia di una condanna sbagliata, quella che porterà i due migranti italiani a morire sulla sedia elettrica nel 1927, dopo un processo in cui i due erano già condannati in quanto immigrati, stranieri.

Bartolomeo e Nicola, un pescivendolo e un operaio, italiani transitati pochi anni prima da Ellis Island, come tanti giovani oggi transitano da Lampedusa, appassionati di idee politiche minoritarie e impopolari, definitivi anarchici, cadono in un circo mediatico nonché giudiziario. Accusati di omicidio, nonostante le evidenti prove che li scagionavano, vengono condannati a morte per un crimine che non avevano commesso. Dopo cinquant’anni, nel 1977, il governatore del Massachusetts riconobbe gli errori processuali e riabilitò la figura di Sacco e Vanzetti.

Il lavoro teatrale vuole però innanzitutto parlare al mondo di due persone, di due uomini, due sognatori, innamorati come tutti della vita, con le loro speranze, la loro riservatezza, la loro musica, le loro differenze caratteriali, la loro quotidianità. Il loro rapporto, che muterà nei tanti anni insieme fino a divenire una grande amicizia. Ogni giorno Nicola e Bartolomeo devono improvvisare la loro vita, mantenendo però salda la loro identità di italiani, col sogno di una vita migliore, più libera, e combattendo un mondo in cui il pregiudizio li circonda. 



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet