Domenica, 22 Luglio 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Lecce: senegalese muore durante la raccolta dei pomodori stagionale, tre persone iscritte nel registro degli indagati

Si tratta dei titolari dell'azienda agricola Mariano e di un sudanese che si occupava dei braccianti. L'uomo è stato colpito da un malore causato dalle alte temperature

Pubblicato in Cronaca il 20/07/2015 da Redazione
Tre persone sono state iscritte nel registro degli indagati della Procura di Lecce per la morte di un  47enne senegalese nelle campagne tra Nardò e Avetrana. L’uomo stava lavorando in un campo di pomodori quando sarebbe stato stroncato da un malore. I tre presunti responsabili sono un uomo e una donna, titolari dell’azienda agricola Mariano, e un sudanese che avrebbe svolto il ruolo di intermediario tra l’uomo di colore e gli imprenditori. L’accusa è di omicidio colposo, anche se i carabinieri avrebbero già accertato che Mohamed non aveva un regolare contratto di lavoro. Gli altri 28 lavoratori hanno un contratto ma non sono in regola con altre norme sulla sicurezza sul lavoro. L’azienda era già stata al centro di un indagine della Procura che portò all’arresto del titolare Giuseppe Mariano con l’accusa di aver sfruttato alcuni braccianti nei campi. Il senegalese non avrebbe resistito alle temperature da record e si sarebbe accasciato al suolo. Inutile il tentativo di rianimazione da parte dei sanitari.
Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha commentato la vicenda: “Si tratta dell'ennesimo incidente sul lavoro, questa volta ancora più angosciante per la dinamica, visto che il bracciante, cittadino sudanese, probabilmente è morto a causa del gran caldo che imperversa in questi giorni, ancor di più sensibile nei campi di pomodori del Salento dove stava guadagnando la giornata. Il tragico episodio ci ricorda che a svolgere determinati lavori sono in gran parte immigrati da Paesi lontani".
Emiliano è sicuro "che magistratura e investigatori faranno luce sulle condizioni di lavoro in quella azienda agricola, perché a volte l'intreccio fra manodopera irregolare e poca chiarezza sulle imprese è fatale per gli anelli più deboli della catena".

loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet