Martedì, 17 Ottobre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Agguato a San Marco in Lamis, quattro morti: killer uccidono un boss e due testimoni innocenti

I bersagli dell'agguato erano Mario Luciano Romito, 50enne di Manfredonia, e suo cognato, Matteo De Palma, di 44 anni

Pubblicato in Cronaca il 09/08/2017 da Redazione

Quattro persone sono state uccise da colpi di arma da fuoco in un agguato compiuto poco fa sulla SP 272 nei pressi della stazione ferroviaria di San Marco in Lamis.

I bersagli dei killer erano il boss Mario Luciano Romito, 50enne di Manfredonia, e suo cognato, Matteo De Palma, di 44 anni, che viaggiavano a bordo di un maggiolone. I sicari hanno ucciso anche due contadini di 47 e 43 anni, testimoni involontari del duplice omicidio.

Secondo la ricostruzione fatta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia che indagano sull'episodio, un'automobile con alcune persone a bordo avrebbe affiancato il maggiolone sul quale si trovavano Romito e De Palma. I killer hanno aperto il fuoco con un fucile d'assalto Kalashnikov AK-47 e un fucile da caccia calibro 12, uccidendo sul colpo Romito e De Palma per poi inseguire e uccidere i fratelli Luciani, incolpevoli testimoni. 



loading...