Martedì, 17 Ottobre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Xylella, Stefàno scrive a Martina: 'Focus torni su contenimento batterio'

Il capogruppo in Commissione Agricoltura al Senato ha inviato una lettera al ministro a seguito della notizia di nuovi focolai di Xylella in Puglia

Pubblicato in Ambiente il 28/09/2017 da Redazione

“La Xyella avanza e non si può continuare a discutere esclusivamente dell’autorizzazione al reimpianto o del divieto di espianto degli ulivi monumentali. O perseverare con dannosi populismi e tesi complottiste. La Scienza ritorni al centro della strategia, la sola deputata a individuare una soluzione ad un problema che ha valicato i confini originali. Il Governo si faccia carico di favorire un nuovo approccio, facendosi subito promotore di un tavolo di raccordo tra Ministero, Regione e deputazione parlamentare pugliese per condividere un percorso comune e strutturato. Il sottoscritto, ma credo che tutta la deputazione, sarà al suo fianco”. È il messaggio che il senatore Dario Stefàno, capogruppo in Commissione Agricoltura al Senato, ha lanciato in una lettera indirizzata al Ministro delle Politiche Agricole e Forestali, Maurizio Martina ma aperta a tutto il mondo politico, a seguito della notizia di nuovi focolai di Xylella Fastidiosa in Puglia.  

“Credo che si sia tutti consapevoli – prosegue Stefàno – che la Xylella non è la fantasia di qualcuno, ma un fatto vero, accertato, che sta continuando a procurare danni, non solo al patrimonio olivicolo, violentemente colpito.  Le battaglie, legittime, su reimpianto o divieto di espianto hanno spostato il focus della strategia per fermare l'avanzamento del batterio che, nel frattempo, ha ampiamente valicato i confini originari. Il Governo si faccia carico della necessità di riportare la discussione sugli interventi da operare per evitare il dilagare del fenomeno"

"Il focus sulle attività di monitoraggio e contenimento – scrive ancora Stefàno - è stato letteralmente messo da parte dal momento in cui si è deciso di abbandonare il piano Silletti, elaborato, è bene ricordare, con il supporto della scienza nella piena osservanza delle norme comunitarie e nazionali che regolano la complessa materia delle fitopatie. È tempo che la politica smetta di introdursi nella valutazione dei risultati scientifici: noi non siamo "deputati" ad individuare la cura del batterio. Quello è un compito che spetta alla scienza”.

“Semmai - prosegue - siamo chiamati a trovare da una parte, soluzione ai problemi che il batterio sta procurando agli agricoltori, ai vivaisti, al patrimonio ambientale e paesaggistico, recuperando le risorse necessarie a fronteggiare un fenomeno che rischia di diventare irreversibile anche da un punto di vista sociale. Dall'altra, a fornire adeguate risorse alla comunità scientifica, affinché possa trovare una cura al patogeno”.

"Evitiamo che la discussione tecnico-scientifica – ha concluso -  si trasformi in un tema strumentale a interessi di parte. Solo in tal modo la politica contribuirebbe a restituire credibilità alla scienza, colpita da teorie antiscientifiche infondate e da qualche scelta amministrativa distratta. Ora serve, subito, un altro approccio".



loading...