Martedì, 17 Ottobre 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

'Puliamo il mondo', Legambiente premia i comuni virtuosi: riconoscimenti per Corato, Barletta e Bari

Il 22, 23 e 24 settembre tante le iniziative in Puglia: da San Giovanni Rotondo a Gallipoli i volontari ripuliranno dai rifiuti parchi, strade, spazi urbani e aree verdi

Pubblicato in Ambiente il 21/09/2017 da Redazione

Puliamo il Mondo compie 25 anni. Da un quarto di secolo, ogni anno volontari di tutta Italia, coordinati da Legambiente, si danno appuntamento l’ultimo fine settimana di settembre per ripulire spazi urbani e aree verdi dai rifiuti abbandonati. Per festeggiare questa ricorrenza, Legambiente ha premiato i sindaci delle Amministrazioni pugliesi che aderiscono all’iniziativa sin dalle prime edizioni.

A ricevere il riconoscimento il Comune di Corato con la seguente motivazione: “Sin dal 1996 il Comune di Corato aderisce, ogni anno, a Puliamo il Mondo, coinvolgendo cittadini di ogni età, studenti e, negli ultimi anni, anche i migranti della cooperativa Senis Hospes. Al suo fianco, da sempre, anche l’Azienda di Servizi Igiene e Pubblica Utilità, che fornisce il suo supporto logistico”. Il Comune di Barletta: “Insignito del Premio Comuni Ricicloni 2016, e impegnato quotidianamente ad innalzare la percentuale di raccolta differenziata, oggi pari al 70%, aderisce alla campagna nazionale “Puliamo il Mondo”, coinvolgendo ogni anno centinaia di bambini”.  Il Comune di Bari: “Da oltre dieci anni il Comune aderisce a Puliamo il Mondo e, in linea con gli obiettivi della campagna, ha avviato nei quartieri di Palese e Santo Spirito il “porta a porta”, raggiungendo il 65% di raccolta differenziata, puntando ora ad estendere il servizio a tutta la città”.

 

Premiato anche l’impegno dei circoli più “fedeli” a Puliamo il Mondo: il circolo Legambiente di Trani, poiché, oltre ad aver partecipato sin dalla prima edizione alla campagna nazionale di Puliamo il mondo, ha operato in tale attività di volontariato ambientale strutturandola quale momento di integrazione sociale “dal basso”, con il costante coinvolgimento sia di studenti e cittadini ma anche di detenuti, disabili mentali, extracomunitari e migranti, consolidando una perdurante collaborazione con le realtà del territorio e, con l’edizione 2017, raggiungendo una piena sinergia con i comitati di quartiere di Trani; il circolo Legambiente di Cassano delle Murge, che in soli due anni dalla sua costituzione, è riuscito a portare a termine numerose attività finalizzate alla tutela dell’ambiente, come “Puliamo il Mondo”, la “Festa dell’Albero”, contribuendo a far nascere realtà virtuose come l’Eco-biblioteca” e impegnandosi quotidianamente nella lotta all’abbandono selvaggio degli pneumatici fuori uso nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

 

Il 22, 23 e 24 settembre saranno tante le iniziative in Puglia che vedranno impegnati i volontari per liberare insieme dai rifiuti il territorio, raccontare l’economia circolare e promuovere, attraverso il dialogo, la creazione di reti tra cittadini di ogni età e provenienza.

 

“Queste 25 candeline le dedichiamo all’economia circolare – dichiara Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – per sottolineare l’urgenza di intraprendere la strada di una politica che trasformi l’emergenza rifiuti in una grande opportunità economica e occupazionale. In Puglia esistono già aziende, cooperative, start-up, associazioni, realtà territoriali e Comuni, tante esperienze che hanno già investito su un nuovo modello produttivo e riciclano materie prime seconde che fino a oggi finivano in discarica. Storie che dimostrano come la nostra regione abbia tutte le carte in regola per chiudere definitivamente il ciclo dei rifiuti. Con l’iniziativa di Puliamo il Mondo vogliamo compiere un gesto semplice e concreto, tutti insieme, per rinsaldare il rapporto tra ambiente e cittadini, comunità ed enti pubblici”.


“Sono onorato – dichiara Filippo Caracciolo, Assessore alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia – di poter affiancare Legambiente Puglia in questo appuntamento che mostra in sé tutta la volontà e la capacità di unire e rafforzare il rapporto tra ambiente e cittadini, comunità e istituzioni. A tal riguardo, proprio nei giorni scorsi, il mio Assessorato ha presentato l’idea di creare la rete degli assessori comunali all’Ambiente per valorizzare le migliori esperienze del territorio su temi di grande spessore come la raccolta differenziata porta a porta. In più, per contrastare il fenomeno degli abbandoni di rifiuti lungo le strade, tramite l'Agenzia Regionale per il servizio di gestione dei rifiuti, abbiamo attivato una linea di interventi, per un importo complessivo di 1 milione di euro, per le attività di pulizia delle strade extraurbane”. 



loading...