Domenica, 19 Agosto 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

'Mare d'inchiostro', incontri nelle piazze e nelle scuole pugliesi per promuovere la letteratura del mare (VIDEO)

Il festival è organizzato dall'associazione 'Vedetta per il Mediterraneo'. Già 40 scuole hanno aderito alla Rete del e ospiteranno numerosi eventi territoriali.

Pubblicato in Ambiente il 21/05/2018 da Giuseppe Bellino

Da Bari, a Gallipoli, da Taranto a Brindisi, passando per Lecce e Giovinazzo. Sono queste le città che ospiteranno “Mare d’Inchiostro”, il festival di letteratura del mare realizzato dall’associazione “Vedetta del Mediterraneo” in collaborazione con l’Università di Bari. Sono già 40 le scuole che hanno aderito alla Rete del Festival e che ospiteranno numerosi eventi territoriali.

“Questa è una grande operazione di promozione della cultura del mare – spiega il professor Nicolò Carnimeo, presidente dell’associazione Vedetta del Mediterraneo -collaboriamo con Marina Militare, Capitaneria di Porto, autorità portuali e altre associazioni. Vogliamo raccontare le storie di mare nelle scuole, realizzando una serie di eventi che vedranno come protagonisti numerosi scrittori. Ospiteremo chiunque possa far capire quanto il mare è importante per la nostra storia e la nostra identità”.

Protagonisti delle tappe nelle scuole saranno, tra gli altri, Giambattista Bello biologo ed esperto di cefalopoli, Roberto Ferrarese campione di vela,  Elena Sacco  scrittrice, Maia Marinelli artista barese responsabile delle arti visive del festival, Rita Auriemma archeologa subacquea, Pasquale Salvemini del Wwf, Romano Sauro nipote di Nazario impegnato a viaggiare tra 100 porti, Vito Antonio Loprieno che racconta le nostre tradizioni legate al mare, due storici della marineria Pasquale Trizio e Vincenzo d’Acquaviva, Antonella Berlen artista e Tani Scanni medico che fotografa il mare.

“Il nostro simbolo è un faro e il faro appare appieno nel nostro sigillo – ha detto nel corso della conferenza stampa Antonio Uricchio, rettore dell’Università di Bari - Il mare per l’Università è centrale nella didattica, nelle relazioni mediterranee, nell’idea di terza missione, cioè nel rapporto con il territorio. Amare il mare significa anche poterlo raccontare e attraverso “Mare d’inchiostro”, la costruzione di un percorso di laurea, attività spinte sulla biodiversità marina noi intendiamo rilanciare questo forte impegno della nostra istituzione. Questo festival è un’esperienza nuova e ci auguriamo possa diventare una presenza fissa in Puglia e contribuire a catturare presenze. Non è un inchiostro nero, ma blu e verde, i colori della nostra Puglia con i suoi 850 km di costa che ci rendono uniche come regione”.

Fabio Pozzo, giornalista e cofondatore del Festival con Nicolò Carnimeo, ha inviato un videomessaggio annunciando alcuni degli ospiti che parteciperanno agli incontri regionali: si parte da Giovanni Soldini, velista italiano che nel febbraio scorso ha percorso la rotta Hong Kong-Londra in 36 giorni, per arrivare a Hugo Vau, surfista che ha sfidato sulla sua tavola la Big Mama, quella che viene considerata l’onda più alta del mondo.

 

 



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet