Mercoledì, 13 Novembre 2019 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Il Movimento 5 Stelle sulla questione Xylella: 'Piano teorico e impraticabile, sospendere subito le eradicazioni' (VIDEO)

Il consigliere Cristian Casili: 'Continuare ad abbattere sarebbe il crimine più grande della storia, si sta giocando con l'identità di una popolazione'

Pubblicato in Ambiente il 13/10/2015 da Giuseppe Bellino
Fermare il piano Silletti e gli abbattimenti degli ulivi del Salento. Il Movimento 5 Stelle Puglia ha presentato la sua posizione ufficiale schierandosi contro la strategia del commissario per l’emergenza che prevede l’eradicazione di tremila ulivi, tra i quali 100 secolari. “Il piano è impraticabile e dannoso, oltre ad essere assolutamente teorico – dichiara il consigliere pentastellato Cristian Casili, Dottore Agronomo di professione –, nel 2014 sono già state abbattute 65 piante ma nulla è stato risolto”.
Gli esperti hanno accertato che il batterio non ha più confini, dato che il vettore può essere trasportato dall’uomo. L’eradicazione non servirà a limitare la zona infetta. “Le proteste nascono perché manca chiarezza nella gestione della fitopatia – continua Casili –, le linee guida della Fao escludono l’applicazione di approcci eradicativi e di contenimento per la situazione presente in Puglia. È evidente che queste linee guida sono state eluse dal piano”.
La strategia del Movimento si articola in due fasi: la sospensione immediata del piano, per impedire ulteriori eradicazioni, e l’istituzione di una task force disciplinare che coinvolge tutti gli esperti in questione, oltre ai comitati e alle associazioni spontanee.
“Analizzare 60 milioni di piante è impossibile – conclude Casili – perciò oggi il governatore dovrebbe avere il coraggio di ribadire che il piano è teorico. Questa regione non può sopportare l’abbattimento dei suoi alberi. Se permettiamo queste operazioni compiamo il crimine più grande della nostra storia, si sta giocando con l’identità di una popolazione”.
La capogruppo del Movimento 5 Stelle, Antonella Laricchia, ha annunciato che verrà richiesto un tavolo disciplinare ma non solo: i pentastellati presenteranno una mozione e richiederanno una seduta monotematica del Consiglio regionale. Il 25 ottobre verrà organizzata una marcia fra i luoghi colpiti dalla Xylella Fastidiosa.