Venerdì, 25 Maggio 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Vetro, cristallo e ceramica? Fai la differenza!

Alcuni consigli per realizzare una buona raccolta differenziata

Pubblicato in Ambiente il 11/02/2018 da Redazione

I pugliesi, negli ultimi anni, sono diventati più bravi ed esperti nel differenziare, dimostrando una maggiore sensibilità nei confronti dell’ambiente ed aumentando sensibilmente le percentuali di raccolta e di riciclo.

 

Ancora oggi però, non sono pochi i dubbi relativi a come differenziare determinati materiali, come ad esempio il vetro, il cristallo e la ceramica.

 

Il vetro è stato tra i primi materiali a conoscere la differenziata. Ed è proprio per limitare ed eliminare gli errori più frequenti che CoReVe, il Consorzio Recupero Vetro, ricorda alcune semplici regole.

 

1. Che sia campana o bidone: togliere il superfluo. Bisogna ricordare di togliere il vetro da sacchetti di plastica o altri contenitori, prima di inserirli nella campana o nel bidone condominiale: in questo modo si contribuisce a ridurre i costi delle operazioni di selezione, che rendono il vetro pronto al riciclo.

 

2. Non è necessario risciacquare gli imballaggi in vetro prima di differenziarli, ma è molto importante svuotarli da eventuali residui. Prima di rinascere come contenitore nuovo di zecca, il vetro viene in ogni caso trattato e reso idoneo al riciclo.

 

3. Non è necessario eliminare etichette o altri accessori che non vengono via. Togliere tutto quello che è facilmente asportabile, come i tappi. Le operazioni di trattamento del ‘rottame’ assolvono anche ad una ulteriore separazione del vetro da ciò che vetro non è. Questa fase assicura che l’obiettivo del riciclo in vetreria venga centrato senza intoppi e che i nuovi contenitori prodotti presentino caratteristiche chimico-fisiche sempre perfette.

 

4. Occhio alla ceramica, il nemico giurato del vetro. Ci sono materiali che sembrano vetro, ma vetro non sono. Il caso più insidioso è quello della vetroceramica (pyrex), la cui assoluta trasparenza trae in inganno l’occhio più esperto.

È però importante ricordarsi di tenere il pyrex, così come i piatti o le tazzine, ‘alla larga’ dal vetro: a causa delle diverse temperature di fusione, è sufficiente un solo frammento di ceramica, mescolato al rottame di vetro pronto al forno, per vanificare il processo di riciclo, dando origine a contenitori destinati irrimediabilmente ad infrangersi.

 

5. Se il cristallo va in frantumi, allora non gettarlo insieme al vetro. Bicchieri e bottiglie in cristallo contengono un’elevata quantità di metalli pesanti, come il piombo, che non devono contaminare il processo di riciclo del vetro: per questo motivo, è importante mantenere separati i contenitori in cristallo dalla raccolta differenziata del vetro.

 

6. Gli altri materiali da tenere separati dal vetro. Lampadine, lampade a scarica (neon) e specchi che contengono sostanze pericolose per l’ambiente, assolutamente non compatibili con il riciclo del vetro (spesso utilizzato come imballaggio per alimenti).




Campagna di sensibilizzazione della Regione Puglia – Segreteria Generale della Presidenza – Assessorato alla Qualità dell'Ambiente – Progetto di Comunicazione: “I rifiuti non si buttano” ideato, realizzato e prodotto da Antimedia S.r.l. di Bari.



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet