Martedì, 25 Settembre 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Impianto di ossicombustione Modugno, gli uffici della Regione Puglia: 'Il progetto richiede ulteriori approfondimenti'

La nota del Dipartimento Sviluppo economico, innovazione, istruzione, formazione e lavoro: 'Procedure per verificare l’ammissibilità del progetto svolte con la consueta massima scrupolosità'

Pubblicato in Ambiente il 03/03/2018 da Redazione

Il Dipartimento Sviluppo economico, innovazione, istruzione, formazione e lavoro della Regione Puglia è intervenuto sulla questione dell’impianto di ossicombustione che la società Newo ha chiesto di costruire nella zona industriale di Modugno.

Nella nota si legge che “non corrisponde al vero” che il codice ‘Ateco (Attività Economiche) 38.22.00’ sia comparso per la prima volta  con la determina dirigenziale n. 1254/2016, in quanto “lo stesso codice era già presente da oltre un anno proprio nel bando di avvio della procedura per la presentazione di progetti promossi da piccole imprese, avvenuta con DD. n. 798/2015 riferito allo smaltimento dei rifiuti di amianto”.

Già l’avviso, pubblicato nel 2015, comprendeva la possibilità di finanziamento di ulteriori codici relativi alla gestione e valorizzazione del ciclo dei rifiuti,  con specifico riferimento ad alcuni interventi riferiti alla divisione 38 del codice Ateco 2007.

“Con la determinazione dirigenziale 1254/2016 – continua la nota -che si colloca a valle di un percorso finalizzato a rafforzare le azioni nel campo dello smaltimento dei rifiuti avviato in precedenza con l’introduzione delle attività previste dal codice Ateco 38.21.01 “Produzione di compost”,  il codice 38.22.00 è riferito non solo allo smaltimento dei rifiuti amianto, ma anche alla gestione  di impianti per il trattamento di rifiuti pericolosi esclusivamente attraverso la tecnologia della ossicombustione, peraltro in piena coerenza con quanto specificamente già previsto dal piano regionale dei rifiuti adottato in giunta regionale e successivamente approvato in consiglio regionale nell’ottobre del 2013. La necessità di ampliare l’opportunità di finanziamento di progetti di investimenti industriali  è conseguente all’esigenza di rafforzare l’offerta dei servizi nel settore al fine di conseguire gli obiettivi qualitativi e quantitativi della gestione integrata del ciclo rifiuti”.

“In relazione alle procedure in corso per verificare l’ammissibilità del progetto alle agevolazioni pubbliche, si sottolinea che le stesse sono state svolte con la consueta massima scrupolosità ed approfondimento riguardo all’affidabilità del soggetto proponente, alla cantierabilità dell’iniziativa, alla sostenibilità ambientale, nonché alla portata innovativa del progetto”. 

L’analisi sulla dimensione del soggetto imprenditoriale proponente ha riguardato, come previsto dalla normativa, “tutti gli aspetti legati alla proprietà ed alle partecipazioni associate e collegate, come puntualmente rappresentato nella relazione istruttoria di valutazione della prima istanza di accesso pubblicata sul BURP n. 82/2017, inclusi quelli relativi alla compagine societaria della Delante Limited Hong Kong di proprietà del 100% del rappresentante legale per il tramite della fiduciaria, con valori relativi agli effettivi e alle soglie finanziarie dichiarati pari a zero”.

“Sulla base di quanto su indicato – conclude la nota - si chiarisce che ad oggi, nella assoluta legittimità di tutte le procedure svolte, il progetto definito è oggetto di una articolata attività istruttoria che richiede ulteriori approfondimenti di carattere tecnico, autorizzativo, ambientale e di mercato”.  



loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet