Mercoledì, 26 Settembre 2018 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Equitalia: il Tribunale di Brindisi sospende fermo amministrativo

La nota di Confconsumatori Puglia

Pubblicato in I like Consumatori il 21/09/2014 da Confconsumatori Puglia
Molti contribuenti potrebbero vedersi recapitare, in questo periodo, preavvisi di fermo amministrativo di beni mobili registrati da parte di Equitalia per somme già iscritte a ruolo ed oggetto di rateazione.
E’ quello che è accaduto ad un contribuente pugliese che si è rivolto allo sportello della Confconsumatori di Grottaglie. Nel preavviso di fermo amministrativo in questione, Equitalia Sud S.p.A. richiedeva per intero la somma iscritta a ruolo ed oggetto di rateazione, senza che venissero scomputate le somme già versate dal contribuente attraverso i bollettini prestampati inviati periodicamente dallo stesso agente di riscossione.
Tale richiesta era fondata sul presupposto che il contribuente fosse incorso in decadenza per non aver pagato otto rate non consecutive della cartella di pagamento oggetto di rateazione (rate portate da due ad otto con le modifiche apportate all’art. 19 del DPR 602/1973 dall’art. 52 del D.L. 21 giugno 2013 n. 69).
Invero, come ha sostenuto l’Avv. Giovanna Casamassima nel ricorso presentato, il contribuente non può essere considerato decaduto automaticamente dal beneficio della rateazione, non avendo Equitalia, in palese violazione dell’art. 6 della L. 212/2000 (“Statuto del Contribuente”), mai notificato alcun atto di revoca del beneficio della rateazione o altro avviso in bonis che invitasse il debitore ad un “ravvedimento operoso”.
Il Giudice del Tribunale di Brindisi, Dott. Luca Notarangelo, con ordinanza depositata il 18.09.2014, proprio in virtù del fatto che l’agente di riscossione nel preavviso di fermo amministrativo in questione non ha tenuto in considerazione le somme già versate dal contribuente e non ha notificato al contribuente alcun atto recettizio di decadenza dal beneficio della rateazione, ha sospeso il preavviso di fermo amministrativo sull’autovettura del contribuente.
Uno spiraglio, dunque, per i contribuenti ammessi ad un piano di rateazione e “verosimilmente” decaduti cui non è stato mai notificato alcun avviso di decadenza e/o revoca del beneficio di rateizzazione.
La posta giuridica in gioco per il contribuente potrebbe essere la rimessione nel beneficio di rateazione ed un congruo risarcimento del danno per le mancate comunicazioni ed invii periodici dei bollettini precompilati da parte dell’agente di riscossione.
www.confconsumatoripuglia.it

loading...

Speciale Bifest2018 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet