Lunedì, 1 Maggio 2017 - Ore
Direttora: ANNAMARIA FERRETTI
Facciamo Notizie

Come funziona 'PIN', la nuova misura regionale di finanziamento a fondo perduto per i giovani

L’Assessorato allo Sviluppo economico vara uno strumento utile con i Fondi europei.

Pubblicato in Aiuti alle imprese il 18/06/2016 da Antonio Pinto

La Regione Puglia ha approvato PIN – una nuova iniziativa che offre ai giovani pugliesi il finanziamento di progetti imprenditoriali. La misura è rivolta a gruppi di almeno due giovani residenti in Puglia, di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Dovranno iscriversi al Registro delle imprese in una qualunque forma societaria.

PIN supporta i progetti giovanili con: un finanziamento di entità compresa tra 10.000 e 30.000 € a fondo perduto, a copertura delle spese di gestione e degli investimenti del primo anno di attività; una serie di servizi di supporto e rafforzamento delle competenze erogati dall'ARTI – Agenzia Regionale per la Tecnologia e l'Innovazione - e co-progettati con gli stessi giovani beneficiari.

I progetti dovranno essere presentati compilando il modello Canvas, che è una rappresentazione grafica dell’intero sistema aziendale che si vuole creare, diviso in 9 blocchi, ognuno dei quali descrive un elemento chiave dell’attività di impresa. Il prodotto o servizio offerto, i partner strategici, le attività chiave, le risorse che servono per generare valore, i costi previsti, il segmento di clienti a cui ci si rivolge, come gestire i rapporti con la clientela, i canali per raggiungere i clienti, i flussi di entrate. Inoltre, la Commissione esaminatrice valuterà altri tre elementi: la capacità del progetto di essere sostenibile sul mercato reale, dopo la sua partenza (c.d. follow up), la sua innovatività, nonché la capacità del progetto di generare un impatto positivo sul territorio locale: pertanto scrivete qualcosa di specifico su questi tre aspetti.  

I progetti dovranno riguardare uno dei seguenti ambiti: innovazione culturale (es: valorizzazione del patrimonio ambientale, culturale e artistico; turismo; sviluppo sostenibile etc.); innovazione tecnologica (es: innovazioni di prodotto e di processo; media e comunicazione; nuove tecnologie etc.); innovazione sociale (es: servizi per favorire l'inclusione sociale, il miglioramento della qualità della vita, l'utilizzo di beni comuni etc.).

Il bando funzionerà a sportello, ossia saranno esaminati e valutati tutti i progetti, a mano a  mano che vengono presentati, sino all’esaurimento delle risorse: la dotazione finanziaria è pari a 10 milioni di euro.

La presentazione delle candidature è interamente online, attraverso il sito pingiovani.regione.puglia.it e potrà avvenire a partire dal 1 settembre. Pertanto, è importante iniziare a lavorare sin da ora sul progetto, per esser pronti ad inviarlo all’apertura del bando.



loading...

Speciale Bifest2017 RISULTATI, COMMENTI, NOTIZIE Live Tweet